The music of Stefano Lenzi Quintet doesn’t belong to any particular “church”:
it’s not pop, nor jazz, nor rock, nor songwrinting but the sum of all these.

(JazzIt Magazine)

Our first album “Somiglianze” is the expression of our carnal approach to music
and reflects the way in which we are attracted more
by similarities than differences in what we do.

LISTEN TO OUR MUSIC

AVAILABLE ON

iTunes
Amazon
Google Play

VIDEOS

My Favourite Things

buy song on iTunes

HAPPENINGS

20/10/2015

::: CONCERTO AL COTTON CLUB DI ROMA :::

Martedì 20 ottobre apriamo la stagione invernale e saremo ospiti al famoso Cotton Club di Roma, che in questa nuova stagione vede la collaborazione di ‘Jazzit Present’ firmata da JazzIt!

MORE INFO

BOOTLEG VIDEO from the concert @ ‘ASINO CHE VOLA’

[thanks Maci]

SHARE IT!

La recensione dello Stefano Lenzi Quintet su JazzIt!

“L’orizzonte espressivo di Stefano Lenzi è sterminato almeno quanto lo è l’uso della sua voce (anche grazie a loop station), anche senza virtuosismi e un’estensione vocale particolarmente ampia.
Nella sua scrittura così come nella sua interpretazione, il cantante romano mette in mostra gusto, fantasia, sensibilità.
Di certo, Lenzi elabora una musica “di nessuna chiesa”: non pop, non jazz, non rock, non cantautoriale ma la sommatoria di tutto questo.
Assai affascinanti le interpretazioni di What A Wonderful World e My Favourite Things.”
(LV)

Alatri in Jazz & Tarquinia Etruria Musica Festival : le bellissime foto dei concerti estivi!

le immagini catturate durante due dei nostri concerti dell’estate 2015 [thanks RedFox]

GUARDA LE FOTO!

Le foto dello Stefano Lenzi Quintet al JAZZIT FEST 2015

A breve saranno pubblicate le bellissime foto e gli estratti del concerto tenutosi al JazzIt Fest 2015

COMING SOON

13/05/2015

“Un ensemble in stato di grazia: parlare di generi risulta fuori luogo”

Cantare la voce, diceva il compianto Demetrio Stratos, senza limiti, senza confini. Stefano Lenzi sembra aver compreso appieno questo semplice ma imprescindibile imperativo. Rimanere incatenati nelle oppressive gabbie dei generi e delle categorie è fin troppo facile, a volte inevitabile. Lenzi ed i suoi compagni di viaggio hanno imparato a volare liberi, al di fuori di ogni schema….

CONTINUA A LEGGERE